Istanze implicate

Il numero crescente di tariffe riflette i diversi modi di fruire di un’opera

In linea di massima, gli scrittori possono commercializzare i loro libri da soli e altrettanto possono fare i registi con i loro film e i compositori con i loro brani musicali. Ma per le utilizzazioni di massa, come la televisione via cavo, la masterizzazione di brani musicali su DVD vergini o la fotocopiatura di documenti in azienda, la commercializzazione mediante contratti individuali non è possibile. Pertanto, per regolamentare questi settori, il legislatore ha previsto la gestione collettiva e ha incaricato le società di gestione di rappresentare gli autori e gli altri aventi diritto. Le società di gestione garantiscono a questi ultimi un compenso adeguato per l’utilizzazione delle loro opere.

Le indennità vengono negoziate con le associazioni che rappresentano gli utenti e vengono fissate per le varie utilizzazioni mediante tariffe in modo generale e vincolante per tutti. Le associazioni che rappresentano gli utenti, come la DUN (associazione mantello degli utenti dei diritti d’autore e dei diritti dei rapporti di vicinato), raggruppano la maggior parte dei fruitori di diritti d’autore. Se le utilizzazioni che devono essere regolamentate da una tariffa interessano direttamente i consumatori finali, nei negoziati vengono coinvolte anche le associazioni per la tutela dei consumatori.

Le tariffe devono essere verificate dalla Commissione arbitrale federale per la gestione dei diritti d’autore e dei diritti affini (CAF), un collegio giudicante composto pariteticamente da rappresentanti degli utenti e rappresentanti delle società di gestione, come pure da esperti indipendenti.

In pratica, la CAF controlla che le tariffe siano adeguate e a tale scopo chiede anche il parere del sorvegliante dei prezzi. Contro le decisioni della CAF circa l’approvazione delle tariffe si può presentare ricorso presso il Tribunale amministrativo federale e successivamente presso il Tribunale federale. È escluso dalla verifica della CAF il settore della gestione collettiva volontaria. Ci sono forme di utilizzazione per le quali è più vantaggioso il modello della gestione collettiva sebbene la legge preveda la gestione individuale da parte dei singoli autori o aventi diritto. 

Altri link :

Principali associazioni che rappresentano gli utenti :

Ph!l!pp Schweidler

«SWISSPERFORM fa sì che le prestazioni dei musicisti interpreti vengano onorate in maniera giusta e adeguata. Considerando gli attuali esigui budget di produzione, fornisce così un contributo fondamentale alla creazione di musica locale.»